#EyesOnChechnya, firma la petizione internazinale

Quello che si legge e si è letto in queste settimane riguardo l' olocausto (perchè è un olocausto gay) in Cecenia è davvero qualcosa di profondamente scandaloso. La CNN ha intervistato un ragazzo gay che ha descritto come queste torture da parte della polizia venivano inflitti a chi veniva catturato.

“La mia macchina si è fermata in un checkpoint della polizia cecena e mi hanno chiesto i documenti”. “Li hanno controllati e poi mi hanno detto: “ti prendiamo”. “Mi hanno cominciato a prendere a pugni e a calci. Volevano i nomi dei miei amici gay. Mi hanno attaccato dei fili alle mani e dei ganci di metallo sulle braccia per l’elettroshock. Hanno attrezzature speciali che sono molto potenti. Quando ti danno la scossa, salti. Se la mia famiglia scoprisse che sono gay non sarebbe necessaro l’intervento del Governo, loro mi ucciderebbero”.


#EyesOnChechnya l’hastag, che rilancia la petizione on line che esorta il governo degli Stati Uniti a prendere una posizione netta, chiedendo l’immediato stop all’omocausto ceceno.
Petizione internazionale da firmare cliccando QUI.

Commenti

Post popolari in questo blog

Donne sole