Sanremo 2018 - i (miei) migliori

E' il Festival della canzone italiana per antonomasia. E' il Festival dei record, era dal 1999 che gli ascolti serata dopo serata non erano così alti, oltre il 51% di share. Ma personalmente ho trovato il direttore artisticoe  conduttore di questa edizione di sanremo 2018 parecchio sotto tono, unica (forse) promossa Michelle Hunziker.

I cantanti tutti molto bravi, ma commercialmente poco vendibili se escludiamo alcune piccole eccezioni. Il primo fra tutti che ho quasi da subito apprezzato è stato Fabrizio Moro con Ermal Meta.
Il loro brano "NON MI AVETE FATTO NIENTE", è l' analisi della paura che circonda ognuno di noi.
Guerra, attentati e il video clip richiama le immagini che troppo spesso vediamo nei vari telegiornali. Ottima canzone e ottimo brano anche per l'Eurovision prossimo.


"Quando si ha paura, o freddo, ci si abbraccia. La musica ha un ruolo di aggregazione e sveglia le coscienze più di un discorso politico. Porta la gente a stare insieme. Quando hai a che fare con la morte, il terrore e la paura, è il momento di tirare fuori la parte più coraggiosa dell’anima", aveva detto Ermal Meta descrivendo "Non mi avete fatto niente" nei giorni precedenti a Sanremo 2018. Un altro bellissimo brano e quello cantato dalla bravissima Ornella Vanoni con Pacifico IMPARARE AD AMARSI. Pacifico, raccontano la nascita di "Imparare ad amarsi", racconta: "Il testo è nato parlando al telefono con Ornella. Lei parlava e io, con delicatezza, prendevo appunti. L'idea di base è che la felicità esiste".

Commenti

Post popolari in questo blog

Donne sole