Post

E' morto Fernando Gaitán,ideatore di “Yo soy Betty la fea”

Immagine
Molti di voi ricorderanno sicuramente la telenovela di successo mondiale "betty la fea". Numerosi sono stati i remake della novela. Il 29 Gennaio scorso è morto lo scrittore Fernando Gaitan, era considerato uno dei migliori scrittori di tutti l' America Latina. La sua "Betty" nel lontano 1999, è stata venduta in più di 180 paesi nel mondo. 
Il successo della serie originale colombiana, che è valso numerosi premi sia alla stessa serie che agli attori principali, ha dato origine a numerosi adattamenti realizzati in altri paesi (Messico, Brasile, India, Israele, Germania, Grecia, Paesi Bassi, Spagna e Stati Uniti d'America). Proprio da questa serie è stato tratto il suo più celebre adattamento, Ugly Betty. Grazie a questi numerosi rifacimenti, l'opera è entrata nel Guinness World Record nel 2010 come come "la telenovela di maggior successo di tutti i tempi"

#Arisa. Il nuovo album e una dedica musicale alla sessualità fluida

Arisa ha una bellissima voce, e simpatica ed è del sud. Il suo nuovo album "UNA NUOVA ROSALBA IN CITTA'" è un album bellissimo, fresco e profondo. Intervistata dal Rolling Stone Arisa, ha dichiarato che nell' album c'è un brano dedicato al mondo trans "minidonna".

“Minidonna parla di un trans, non sappiamo se uomo o donna. […] Ero una ragazzina del Sud, arrivata a Milano, lavoravo in un locale notturno e lavavo i bicchieri. Stavo ore e ore senza parlare con nessuno. E sotto casa mia – abitavo in viale Abruzzi – c’era una signora che, in realtà, non aveva fatto nessun accorgimento per diventare donna, era un uomo che si vestiva da donna. Abbiamo passato ore a parlare, dovevo digerire il fatto che fossi senza i miei genitori, che fossero lontani. Piano piano, da Pina – si chiamava così – ho iniziato a conoscere tante persone. Adesso abito in un posto dove c’è Umberto e Mirela, un parrucchiere brasiliano dove ci sono clienti molto colorati. Ho ritrovato q…

#Mahmood vince su tutto a Sanremo

Immagine
Alla fine di questo Festival di Sanremo 2019, la vittoria di Mahmood è l'unica cosa bella e positiva.  Forse io non lo avrei messo al primo posto, ma tra i primi 3 sicuramente si. Molti i brani in gara davvero molto belli. primis quello della elogiatissima Loredana Bertè sul palco e poi "poco" votata dalla gran giuria. Il suo brano sicuramente meritava un premio, perchè è una delle poche artiste italiane che ancora non solo sanno cantare benissimo, ma sono davvero dei leoni da palcoscenico. Quello che mi sta piacendo poco, e che solo in ITALIA può succedere, e che dopo la vittoria di un ragazzo talentuoso, bravo e molto educato, vengano scritte cose davvero poco belle nei suoi confronti.  Ultimo il titolo di LIBERO che titola "da Modugno a Maometto, ha vinto il Festival dell’Immigrazione". Cosa? Majmood è un ragazzo italiano, nato a Milano, vissuto in un quartiere periferico. nato da mamma sarda e papà egiziano. E poi mi chiedo, e se anche fosse mezzo straniero…

#Sanremo2019 - gli ascolti e le mie preferite

Immagine
Un inizio in controtendenza rispetto alle precedenti edizioni. Poco più di 10 milioni di telespettatori, per una serata molto lunga. Le canzoni dei BIG proposte in gara non hanno entusiasmato molto il grande pubblico, se si escludono piccole eccezioni come PAOLA TURCI, SIMONE CRISTICCHI, LOREDANA BERTE' E ARISA (forse). 
Gli ospiti di questa sera saranno Marco Mengoni con Tom Walker, Riccardo Cocciante, Michelle Hunziker, Pio e Amedeo, Laura Chiatti e Michele Riondino. Nel corso della serata verrà anche intitolato un premio alla carriera a Pino Daniele. Baglioni nella conferenza stampa di stamattina ha promesso che la puntata di stasera sarà meno lunga rispetto a quella di ieri che è terminata poco dopo l' una di notte. La prima puntata stata vista da 10.086.000 telespettatori con il 49,5% di share. La prima serata dell'edizione 2018 era stata vista da 11.603.000 con il 52,1% di share.

Marco Mengoni: Il Nuovo Singolo È “Hola (I Say)” Feat. Tom Walker

Immagine
Un album bellissimo quello di Marco Mengoni, che ora è uscito con un terzo singolo "HOLA". Una canzona che sento particolarmente mia, dove la musica e le parole entrano dritte dritte al cuore. Il brano, infatti, racconta “come un attimo può cambiare per sempre il destino di alcune persone, con storie diverse, estrazioni sociali differenti e legami che inizialmente sembrano non esserci”.
Testo I used to be a little better at dancing on my own
before you put your arms round me
swept the world beneath my feet,
and I was
Just a dreamer living easy, not a penny to my h0me
drink away the lonely days, that was till you came my way and you said “hola, hola”
but I’m sure that wasn’t all E tu che mi tiravi su con dei film stupidi
senza dire una parola
e non mi capirai mai, né domani né ora
e tu preferivi la tv che starmi vicino
e come fai a vivere se
attorno al cuore hai il muro di Berlino?
facevo delle pause lunghe una volta
ma ridere e ascoltarti per ore
non mi basta balavi latino americano una…

Suburra 2 - Febbraio 2019 su Netflix

Immagine
Il 22 Febbraio 2019 tutti gli abbonati della piattaforma Netflix potranno assistere finalmente alla seconda stagione di Suburra con Alessandro Borghi. Gli eventi che saranno narrati riguarderanno i 15 giorni prima delle elezioni del nuovo sindaco di Roma. Era da tempo che i fan della serie aspettavano la seconda stagione della serie, dove ritroveremo anche tutti i vecchi personaggi della serie più i nuovi personaggi naturalmente.
Suburra 2 è scritto da Barbara Petronio (a cura anche della supervisione editoriale), Ezio Abbate e Fabrizio Bettelli. La regia, invece, è di Andrea Molaioli e Piero Messina. Al debutto della seconda stagione dovrebbe seguire, dal 27 marzo (data da confermare), la messa in onda in chiaro della prima, su Raidue, a conferma dell'accordo siglato da Rai Fiction e Netflix per la trasmissione della serie.

Ennio Fantastichini: " ci lascia uno degli attori più meritevoli del cinema italiano"

Immagine
Come dal titolo del post, Ennio Fantastichini è uno degli attori che più sono stati bravi nell'interpretare personaggi seppur non principali, ma nel lro modo di essere raccontati erano il personaggio principale del film. Quasi come un fulmine a ciel sereno, Ennio fantastichini ci ha lasciato alla "tenera" età di 63 anni per una bastarda leucemia. Tanti i messaggi di cordoglio da parte di moltissimi colleghi. Un uomno e un attore gentile definito da molti, un uomo e un attore che non si è mai sottratto dall'impegno civile anche. Ha votato i % stelle, perchè a suo dire il cambiamento fa sempre bene, anche se abbiamo molte riserve.  fantastichini era un uomo con la U maiuscola, coraggioso. Ando' via da acsa sua all' etaà di 12 anni perchè il padre alla notizia della morte di Pasolini, lo defini "frocio di merda". Era un anima gentile, che raccontava le sue esperienze con garbo, come quando in una intervista aveva dichiarato di essere stato avvicinato …